Studio commerciale Picinotti e Puzzella - Il tuo Commercialista ad Arezzo

Verso la proroga per le norme su iper e super ammortamento con un ripensamento delle misure in un ottica green, verde. Possibile anche una proroga per un credito di imposta dei beni strumentali del Sud in scadenza nel 2019 ma che ha funzionato bene fornendo uno strumento per investire alle imprese meridionali. Sono queste alcune delle novità allo studio del ministero dell'economia anticipate dal viceministro all'economia, Antonio Misiani, a un convegno Fisco&Futuro ieri a Torino, e che potranno trovare spazio in una legge di bilancio che al primo posto ha come obiettivo disinnescare 23 miliardi di clausole di salvaguardia dell'Iva: «Alcune scelte vanno fatte subito c'è bisogno di un provvedimento per bloccare l'Iva perché un aumento delle tasse è negativo per un paese con una alta pressione fiscale e c'è bisogno di un provvedimento per avviare la riduzione del cuneo fiscale a vantaggio dei lavoratori».

continua a leggere

fonte Ipsoa

Da un giudizio di inaffidabilità fiscale ad un accertamento che trae spunto dalle risultanze bancarie, il passo è breve. I bassi punteggi Isa si sommano infatti alle informazioni presenti nell'anagrafe dei rapporti finanziari, influenzando così le attività di selezione ed analisi del rischio da parte dell'Agenzia delle entrate e della Guardia di Finanza. Ciò è espressamente previsto dal comma 14 dell'articolo 9-bis del dl 50/2017 (istitutivo dei nuovi indicatori) e ribadito nelle due circolari estive dell'Agenzia delle entrate dedicate ai nuovi strumenti di compliance (circolare n. 17e del 2 agosto e n. 20 del 9 settembre). 

continua a leggere

fonte Italia Oggi

La disciplina delle locazioni brevi non può trovare applicazione qualora, insieme alla messa a disposizione dell’abitazione, sono forniti servizi aggiuntivi che non presentano una necessaria connessione con le finalità residenziali dell’immobile quali, ad esempio, la fornitura della colazione, la somministrazione di pasti, la messa a disposizione di auto a noleggio o di guide turistiche o di interpreti, essendo in tal caso richiesto un livello seppur minimo di organizzazione. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 373 del 10 settembre 2019.

continua a leggere

fonte Ipsoa

Il Centro studi di Confindustria ha avanzato una proposta per disincentivare l’utilizzo del denaro contante a favore della moneta elettronica, che prevede l’applicazione di una commissione pari al 2% dell’importo prelevato. L’importo a carico del soggetto che effettua il prelievo non potrebbe avere natura di imposta, mancando la manifestazione di capacità contributiva al fine di istituire una nuova forma di prelievo tributario. Per tale ragione il prelievo, sia pure difficilmente giustificabile, avrebbe natura formale di commissione in favore dello Stato. Anche questa soluzione sarebbe piuttosto singolare: infatti, da una parte l’istituto di credito effettuerebbe un servizio in favore del soggetto che preleva; dall’altra, le somme incassate sotto forma di commissione sarebbero destinate ad un soggetto diverso, quale lo Stato.

continua a leggere

fonte Ipsoa

L’INPS ha fornito, con la circolare n. 121/2019, le indicazioni operative per gestire gli adempimenti connessi al versamento del contributo addizionale maggiorato richiesto, alle aziende, in caso di rinnovo dei contratti a termine. Il contributo a carico del datore di lavoro è pari allo 0,50% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali e va pagato in occasione di ciascun rinnovo del contratto a tempo determinato (anche del settore marittimo) e del contratto di somministrazione di lavoro a termine. Nessuna ulteriore maggiorazione alla contribuzione dovrebbe, invece, essere richiesta in caso di proroga di un rapporto di lavoro a termine in essere. Ma, secondo le ultime istruzioni, è ancora così?

continua a leggere

fonte Ipsoa