Studio commerciale Picinotti e Puzzella - Il tuo Commercialista ad Arezzo

Entro lunedì 17 giugno deve essere versata la prima rata dell’IMU: l’adempimento, in scadenza domenica 16 giugno, slitta al primo giorno lavorativo successivo. Devono versare l’IMU tutti i proprietari di immobili o chi detiene diritti reali di godimento sugli stessi immobili. Pertanto, anche per il 2019 sono soggetti passivi dell’imposta il proprietario dell’immobile, l’usufruttuario, il titolare di diritto di abitazione, di enfiteusi, di superficie e d’uso, il locatario di un bene in leasing e il concessionario di beni demaniali. Il pagamento può essere effettuato mediante bollettino postale, modello F24, modello F24/EP.

continua a leggere

fonte Ipsoa

Chi ha accumulato ingenti quantitativi di denaro contante all’interno di una cassetta di sicurezza non lo può né versare in banca, né spendere agevolmente, in virtù della normativa antiriciclaggio. Per “liberare” e rendere possibile l’utilizzo di questa importante massa di denaro bloccata, che non può circolare e che - se immessa nel sistema - potrebbe (in quanto spendibile) fare da “traino” all’economia, si è da ultimo ipotizzato di assoggettare a tassazione le somme di denaro ivi custodite. Va detto però che, se si consente di spendere liberamente flussi di denaro sottratti precedentemente ad imposizione, allora la somma da versare per pagare la libertà di utilizzo del contante accumulato equivale al pagamento di una somma per fruire di un condono fiscale.

continua a leggere

fonte Ipsoa

 

Le vittime colpite dalle crisi bancarie avranno circa sette mesi e mezzo, decorrenti da ieri, per non perdere l'opportunità di essere indennizzati dal fondo istituto per i risparmiatori interessati da violazioni degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza, buona fede oggettiva e trasparenza da parte di quest'ultime. Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 135 dell'11 giugno 2019 del decreto 10 maggio 2019 avente ad oggetto le «Modalità di accesso alle prestazioni del Fondo indennizzo risparmiatori (Fir)» è, infatti, partito il countdown fissato dall'art. 10 del decreto per il decorso del termine per la presentazione delle domande di indennizzo (si veda ItaliaOggi di ieri). 

continua a leggere

fonte Ipsoa

A ridosso dall’entrata in vigore - con decorrenza dal 1° luglio 2019 - dell’obbligo di invio telematico dei dati dei corrispettivi giornalieri da parte dei contribuenti con volume d’affari superiore a 400.000 euro, un emendamento al decreto Crescita (la cui conversione è attesa al massimo entro la fine di giugno) prevede che, per il primo semestre di vigenza dell'obbligo stesso, non venga sanzionato l’invio dei dati entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, fermi restando i termini di liquidazione dell’IVA.

continua a leggere

fonte Ipsoa

In ritardo e tra molte polemiche l'Agenzia delle Entrate ha rilasciato “Il nostro ISA”, il software per la compilazione delle pagelle fiscali. Non si tratta di un refuso nell’uso dell’aggettivo possessivo. Solo da metà giugno, infatti, viene realmente messa a disposizione dei contribuenti la possibilità di calcolare il proprio indice sintetico di affidabilità fiscale; e solo da qualche ora stanno progressivamente cominciando le apparizioni fiscali degli “ulteriori dati” necessari ai fini dell’applicazione degli indici per il periodo d’imposta 2018.

continua a leggere

fonte Ipsoa